La “Preda Ringadora”

storia della Bonissimaog.it/media/00/02/424925553.jpg” target=”_blank”>Ricordate la storia della Bonissima? Tra le tante, si dice che la statuetta doveva rappresentare l’onestà nel commercio (dal nome del palazzo della “bona misura”), tesi avvalorata dal fatto che anticamente sembra reggesse una bilancia (andata perduta) e posava i piedi su un basamento con incise le antiche unità di misura modenesi (che si possono ammirare all’interno dell’abside del Duomo): la pertica, il coppo, il mattone e il braccio. Chi arriva in Piazza Grande però si domanda cosa sia quella…

La “Preda Ringadora”ultima modifica: 2009-12-14T08:20:00+01:00da vlocal
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento