ContaStorie: l’alfabeto dei racconti

Secoli fa era grazie al cantastorie che, spostandosi nelle piazze e raccontando con il canto una storia riferita a fatti e avvenimenti a lui contemporanei, che le storie viaggiavano da un posto all’altro, ed entravano a far parte del bagaglio culturale collettivo di una comunità locale. La tradizione arriva da molto lontano: gli aedi e i rapsodi greci, menestrelli e trovatori nel Medioevo, e troviamo figure simili nella scuola poetica siciliana. Nella tradizione romagnola il cantastorie è il fulesta…

ContaStorie: l’alfabeto dei raccontiultima modifica: 2010-06-14T08:30:00+02:00da vlocal
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento