C’era una volta…

Si sono chiamati aedi, giullari, menestrelli, trovatori e cantastorie, a seconda del periodo storico e della cultura che li ha ospitati. Per raccontare le loro storie, sia antiche, spesso in una nuova rielaborazione, sia riferite a fatti e avvenimenti contemporanei che entravano a far parte del bagaglio culturale collettivo di una comunità, si spostavano nelle piazze e accompagnavano le loro storie con uno strumento musicale, una chitarra, ma anche una fisarmonica, o una lira. A fine Ottocento…

C’era una volta…ultima modifica: 2013-04-10T09:06:00+02:00da vlocal
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento