Dossier immigrazione Caritas, i dati di Ragusa

Dal dossier annuale della Caritas sulla presenza degli immigrati nel territorio italiano, apprendiamo che in provincia di Ragusa gli stranieri residenti sono in aumento. Come spiegano i redattori del dossier, “La popolazione immigrata in Provincia di Ragusa continua a salire, a differenza di quanto succede in Italia dove la popolazione straniera è ferma ai valori del 2009. Al 31 dicembre … Continua a leggere

Ragusa-Catania il romanzo a puntate

L’odissea della Ragusa-Catania ha stancato tutti noi e capisco che quello che meno volete è un ennesimo post sulla questione, ma questa volta penso proprio che non vi ann16 aprilecco a voi la cronostoria delle ultime battute dei politici sulla Ragusa-Catania.16 aprile, dopo la formazione del comitato e la marcia lenta organizzata da quest’ultimo qualcosa sembra muoversi dice il parlamentare … Continua a leggere

Non bere prima di guidare!

Ancora un weekend è alle porte: dalla città ci si sposta a frotte al mare, dove la temperatura è più clemente, l’aria più fresca e l’atmosfera più spensierata. Troppo spensierata, spesso: molti giovani, alla forsennata ricerca del divertimento, non mancano di alzare il gomito nei locali della zona costiera. Nulla di male, se non fosse che poi si mettono spavaldamente … Continua a leggere

Comiso: il pasticcio dell’aeroporto fantasma

Vi segnalottp://virgilioragusa.myblog.it/media/00/01/3332571843.jpg” target=”_blank”>Vi segnalo un interessante articolo scritto da Antonio Fraschilla e apparso qualche giorno fa su Repubblica Palermo. Il giornalista  ricostruisce la storia ingarbugliata dell’aeroporto di Comiso e tenta di rispondere a domande cruciali, prima fra tutte quella riguardante i ritardi nell’apertura del Magliocco.A quanto pare non si capisce bene a chi spetterebbe investire gli ultimi milioni per aprire lo … Continua a leggere

A Roma le proteste per l’aeroporto di Comiso

È davvero senza fine la storia dell’aeroporto di Comiso. Usato come base militare americana, chiuso, riaperto, richiuso, dedicato a Pio La Torre e poi rinominato ‘Vincenzo Magliocco’ – come nel periodo fascista -, a tutt’oggi, ormai completo, sembra sempre ad un passo dall’apertura ai voli civili, ma si tratta di un’attesa continuamente delusa. Il mese scorso, dopo una marcia lenta … Continua a leggere