Chiusura Ilva: fine di un’era tra arresti e ombre.

Una fine non troppo imprevedibile per molti, ma che segna, in ogni caso, una data storica per Taranto.L’Ilva, il più grande stabilimento siderurgico d’Europa, chiude i battenti “in modo immediato e ineluttabile” con “l’impossibilità di commercializzare i prodotti e, per conseguenza, la cessazione di ogni attività”. E’ questa la bomba che è scoppiata lo scorso lunedì, una giornata particolarmente rovente … Continua a leggere

Nuovo caso ambientale: “acqua nera” prelevata dal mare

Altro disastro ambientale a Taranto.Questa volta, a sollevare un nuovo scandalo, ci ha pensato l’ambientalista Fabio Matacchiera, con un video pubblicato sul web che ha destato non poco scalpore. Nelle riprese, infatti, si vede Matacchiera che immerge un sacchetto nelle acque del mar Grande, vicino agli scarichi dell’Ilva e alla raffineria Eni, e, tirandolo su, riemerge ripieno di un “liquido … Continua a leggere

Scaricati in mare 15 tonnellate di carburante: Taranto non conosce pace!

Quando si è diffusa la notizia di cui parleremo qui sotto, qualcuno non ha retto la rabbia e ha pianto.Qualcun altro si è limitato a sfogarsi su Facebook o di persona e più o meno tutti hanno perso definitivamente la pazienza.Taranto sta diventando il buco nero dell’Italia e la cosa sta diventando definitivamente inaccettabile.Cosa è successo? Esattamente un in questo … Continua a leggere

Depuratore guasto e rifiuti in mare: di chi è la colpa?

Di male in peggio, oserei dire.Da un punto di vista ambientale, Taranto sembra non conoscere pace e l’ennesima brutta notizia non fa che aumentare il già più che motivato pessimismo.Lo scorso martedì 13 marzo, il guasto del depuratore “Gennarini” ho provocato la dispersione in mare, precisamente nei pressi di Lido Bruno, di una notevole quantità di liquame , liquidi e … Continua a leggere

Il ritorno delle polveri sottili

La qualità dell’aria a Siracusa è uno di quegli argomenti che, lo scorso anno, è stato spesso al centro delle cronache dei media locali mentre, nel corso del 2010, ha avuto poche occasioni di dibattito. Eppure, sapere cosa respiriamo, quali sostanze nocive sono presenti nell’aria e in che quantità, dovrebbe essere una tematica di continuo interesse, ancor più a Siracusa, … Continua a leggere