C’era una volta…

Si sono chiamati aedi, giullari, menestrelli, trovatori e cantastorie, a seconda del periodo storico e della cultura che li ha ospitati. Per raccontare le loro storie, sia antiche, spesso in una nuova rielaborazione, sia riferite a fatti e avvenimenti contemporanei che entravano a far parte del bagaglio culturale collettivo di una comunità, si spostavano nelle piazze e accompagnavano le loro … Continua a leggere

Sagome inquiete

“L’immagine di Narciso è il luogo  privilegiato in cui l’assenza universale arriva a riprendere coscienza: Narciso contempla nella sua fontana un altro Narciso che è più Narciso di lui, e quest’altro Narciso è un abisso. La sua fascinazione è di ordine intellettuale, non erotico, e a conti fatti egli non vi soccombe mai. Non vive il suo abisso, lo parla, … Continua a leggere