Brescia si prepara alle targhe alterne

Niente pioggia, poco vento, traffico e riscaldamenti accesi. Il risultato? Pm10 alle stelle e, ad oggi, un probabilissimo inizio di circolazione a targhe alterne.A partire da sabato, ossai da quello che dovrebbe essere il 19mo giorno consecutivo con i limiti al di sopra dei 50 microgrammi al metro cubo, nella fascia oraria compresa tra le 8 e le 19 a … Continua a leggere

Targhe alterne: Brescia dice basta

Quasi un mese di targhe alterne e l’aria è finalmente più pulita. E’ stata lunga e difficile da sopportare per i bresciani, ma ora sembra che per questo 2011 la ghigliottina delle targhe alterne non dovrebbe più trovare spazio in città. Il condizionale è d’obbligo in queste occasioni perchè si è sempre in balia delle condizioni metereologiche, che, si sa, … Continua a leggere

Le targhe alterne non sembrano funzionare

I primi dati a seguito dell’introduzione da sabato e per tutto il mese di febbario delle targhe alterne a Brescia e in molti comuni dell’hinterland non sembrano confortanti. Anzi, sembra proprio che la misura sia stata oltre che inutile forse addirittura dannosa. Venerdì scorso, l’ultimo giorno prima dell’introduzione delle targhe alterne, le centraline dell’Arpa avevano misurato una quantità di 91 … Continua a leggere

Brescia: si respira una brutta aria

L’aria di Brescia è irrespirabile. Ma non per momenti di crisi politica o sociale; è proprio irrespirabile per la qualità dell’aria stessa, resa infima dallo smog e dalle sostanze che quotidianamente vengono riversate liberamente. Dall’inizio dell’anno infatti giorni in cui i limiti di pm10 ed altre sostanze nocive sono stati al di sopra del consentito sono infatti decisamente troppi (una … Continua a leggere

L’aria pesante che si respira a Brescia

Il brutto tempo di lunedì ed il freddo di martedì non sono serviti. Oltre a far aumentare i malati di stagione le due giornate non sono state sufficienti a migliorare l’aria che ogni giorni i bresciani ed i pendolari che arrivano nel capoluogo sono costretti a respirare. Il 2010 infatti ha già fatto registrare finora un numero di giornate al … Continua a leggere

Blocco delle auto a Bergamo e provincia

Febbraio si chiude col botto: domenica 28 febbraio sarà infatti la giornata del blocco delle auto, un blocco però questa volta fatto un pò più in grande rispetto alle precedenti “edizioni” delle giornate ecologiche tanto contestate alla precedente giunta comunale cittadina ma subito adottate anche dalla attuale. Il blocco questa volta sarà più massiccio perchè è entrato in funzione un … Continua a leggere

Anche a Brescia stop alle auto domenica

L’idea era venuta di comune accordo ai sindaci delle 2 più grandi città del nord Italia, il torinese Chiamparino e la milanese Moratti: una domenica di blocco della circolazione in tutte le grandi città del nord e se possibile anche nei centri più piccoli. In molti hanno risposto alla chiamata delle due grandi città e tra queste c’è anche Brescia; … Continua a leggere

Riflessioni di pilota a giorni alterni

Direi che un piccolo bilancio di questa domenica senz’auto è d’obbligo. Iniziamo con il dire che la domenica non è stata esattamente “senz’auto”. Il blocco del traffico ha riguardato infatti all’incirca 65mila veicoli cittadini; non pochi, ma a Brescia ne circolano circa 100mila la domenica e molte di più negli altri giorni lavorativi della settimana. Diciamo che è si è … Continua a leggere

Bergamo chiusa al traffico a causa dell’inquinamento

La giunta comunale di Bergamo ha deciso: domenica 31 gennaio Bergamo rimarrà chiusa al traffico dalle 9:30 fino alle 17:30. Si potrà circolare sull’asse interurbano, come avveniva nelle domeniche ecologiche promosse negli scorsi mesi dalla precedente amministrazione guidata dall’ex sindaco Bruni. La decisione è arrivata nonostante il parere negativo dell’assessore all’Ambiente Massimo Bandera, ma soprattutto dopo ben 16 giorni consecutivi … Continua a leggere

In vista una domenica senz’auto

Che Brescia non sia seconda a Milano i miei concittadini lo sanno bene. Ma una volta tanto forse era meglio giungere secondi all’arrivo con un discreto distacco. Così, mentre i principali quotidiani italiani spendono pagine sull’inquinamento a Milano, sottolineando che da quasi 20 giorni di fila i livelli delle polveri sottili sono oltre i livelli di guardia e che probabilmente … Continua a leggere